FENEAL - SICUREZZA SUL LAVORO

Cantieri E45, sindacati: Regione e Anas passano sopra ai lavoratori?

In programma di estendere i turni di lavoro anche al sabato e alla domenica


Perugia, 29 giugno – “Apprendiamo purtroppo solo dalla stampa della decisione di Regione e Anas di raddoppiare i turni di lavoro sulla E45 ed estenderli anche al sabato e alla domenica. Come sindacati di categoria ricordiamo alla Regione che esiste un contratto collettivo di lavoro e prima di prendere decisioni affrettate che riguardano i lavoratori è obbligo convocare le rappresentanze sindacali”. Così in una nota Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil dell’Umbria. “I lavoratori già oggi sono costretti ad operare a temperature proibitive e con simili decisioni, assunte unilateralmente, rischiano pure di vedersi soppresse le ferie e il riposo settimanale”, continuano i sindacati. “Chiediamo dunque l’immediata apertura di un confronto tra noi e le istituzioni, per riportare la discussione sulla giusta via e perché vengano rispettati gli istituti contrattuali come lo straordinario festivo e il lavoro notturno, con la fruizione di ferie e riposi, per non creare ulteriori disagi ai lavoratori”. Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil dell’Umbria ricordano infatti che il lavoro a ciclo continuo “è possibile solo con accordo sindacale”. I sindacati degli edili ricordano infine di aver sottoscritto a livello nazionale un protocollo finalizzato a rilanciare le grandi opere, che prevede anche il lavoro a ciclo continuo, ma con dei paletti, in primis il divieto di straordinari. “Questo è funzionale ad aver maggiore sicurezza nei cantieri – spiegano – visto che la gran parte degli infortuni avviene nelle ultime ore di lavoro, quello, appunto, straordinario. La stanchezza ha la sua parte nei cantieri, dove la componente fisica è pesantissima”.



29 Giugno 2021

FENEAL