CONFEDERAZIONE - CGIL CISL UIL e Confindustria

Ambiente, sindacati scrivono a Morroni: subito tavolo per discutere strategie e investimenti prima di affrontare il piano dei rifiuti

“Tornare a crescere rinnovando il modello di sviluppo”


Perugia, 30 gennaio – “Il programma di riforme e investimenti su ambiente e territorio, in applicazione del Piano nazionale per la ripresa e la resilienza, sarà decisivo per il futuro dell’Umbria, per questo va aperto alla partecipazione delle organizzazioni rappresentative, delle comunità e delle istituzioni locali”. È quanto affermano Cgil, Cisl e Uil dell’Umbria che hanno scritto al vice presidente della giunta regionale, Roberto Morroni, per chiedere “un incontro per poter contribuire, con idee e proposte, al conseguimento degli obiettivi che insieme riusciremo a concordare”. Il nodo per i sindacati starà nella “capacità della nostra regione di tornare a crescere rinnovando il modello di sviluppo e seguendo i nuovi indirizzi strategici dell’Unione Europea, quali sostenibilità e innovazione tecnologica”, ma oltre a questo per Cgil, Cisl e Uil il “confronto si rende necessario anche rispetto all’imminente apertura del percorso di partecipazione sul piano regionale per la gestione dei rifiuti, il quale non può prescindere da un confronto preventivo sul programma di investimenti e indirizzi strategici che si intendono adottare in ambito ambientale”. Insomma, prima si decidono linee strategiche e investimenti, viste le enormi risorse a disposizione, poi si può discutere di piani operativi. “Con questi presupposti - concludono i sindacati - potremmo affrontare con maggiori strumenti il percorso di partecipazione del piano ed i temi ad esso connessi come la chiusura del ciclo ed il CSS”.



30 Gennaio 2021

CGIL CISL UIL